Sulle ali di un sogno rivoluzionario

L'associazione Poderosa, affiliata all'Arci, vuole essere uno spazio pubblico a disposizione di chi non può e non vuole arrendersi ad una crisi devastante che tende a distruggere diritti e legami sociali, democrazia e partecipazione. Uno spazio di aggregazione, di condivisione, di solidarietà  dove possano trovare posto attività di carattere sociale, culturale, ricreativo.

Torino ha uno straordinario retroterra di associazionismo mutualistico risalente ai primi del '900: centri di ritrovo e di ricreazione, casse di solidarietà, spacci alimentari e quant'altro. Associazionismo quale formidabile strumento di raccordo con i bisogni popolari. Un tema che si ripropone, seppure in forme diverse, in relazione ai processi di precarizzazione, di disintegrazione delle reti di protezione sociale, delle crescenti difficoltà economiche lavorative, esistenziali.

Nostro obiettivo è contribuire, attraverso attività nel campo culturale, ricreativo, partecipativo, alla costruzione di un diverso progetto di società e di convivenza civile che abbia nella Costituzione nata dalla lotta di Liberazione i propri valori di riferimento.

Ci chiamiamo La Poderosa prendendo in prestito il nome della sgangherata e amata motocicletta con cui il Che, insieme all'amico Granado, intraprese un lungo viaggio di scoperta del "suo continente". Un lungo viaggio "sulle ali di un sogno rivoluzionario". Un sogno che va preservato e riattualizzato nell'esplorazione di nuove forme di partecipazione, di socialità, di incontro che ricostruiscano il senso di una speranza collettivamente condivisa.

Statuto Associazione
Atto costitutivo
Consiglio Direttivo

Calendario

Marzo 2019
Lun Mar Mer Gio Ven Sab Dom
1
2
3
4
5
6
7
8
9
10
11
12
13
14
15
16
17
18
19
20
21
22
23
24
25
26
27
28
29
30
31

SFbBox by casino froutakia

In alto

NOTA! Questo sito utilizza cookie anche di terzi per inviarti servizi in linea con le tue preferenze. Chiudendo questo banner, acconsenti all'uso dei cookie.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta.

Approvo